(2)  CENNI DI STORIA

Gallicchio in Web


 
 
.
 

 

 

 Cenni di storia su Gallicchio

 

Signori di Gallicchio, Missanello...(1)

 

Signori di Gallicchio, Missanello...(2)

 

Signori di Gallicchio, Missanello...(3)

 

I Normanni in Basilicata  (1)

 

I Normanni in Basilicata  (2)

 
 
  
 
 
 
 home
 
 

      Situazione politica  nel medioevo....  
 

Come tutti sanno, caduto l'impero Romano (476), l'Italia fu preda ambita dei barbari. Cos�, dal 476 al 493 fu governata dai Goti (Odoacre), dal 493 al 553 dagli Ostroqoti (Teodorico). Poi, dal 553, vi si stanziarono i Bizantini, che vi rimasero fino al secolo XI (avvento dei Normanni), e dal 568  al 774 anche e prevalentemente i Longobardi; dal 774 all' 814 fu dominata dalla potenza di Carlo Magno, che riusc� a scacciare i Longobardi ma non del tutto i Bizantini; dall'814 all'888 fu interessata dalla lotta tra i successori di Carlo Magno; dall'888 al 962 si trasform� in Regno italico indipendente, costituitosi sui cocci italiani dell'impero Carolingio (774-880); dal 962 al 1032 divenne fortuna dell'impero germanico che un� la Corona Imperiale al Regno d'Italia, legando la storia d’Italia a quella di Germania per quasi otto secoli, fino al 1806, quando l'imperatore del Sacro Romano Impero, Francesco I  d'Austria, fu costretto da Napoleone a lasciare l'antico titolo. Dalla seconda met� del IX secolo, gli Arabi in espansione occuparono la Sicilia e invasero l'Italia, razziando e facendo scempio in ogni dove, come a  Matera, che nel 994 fu assediata per tre mesi e poi presa e distrutta, dopo che qualche donna ebbe mangiato il proprio figlio (per fame) " quadam foemina fil�um suum comedit" . Come se ci� non bastasse, con lo spirare dell'anno 1000 sull'umanit� straziata da lutti, calamit� e rovine incombeva anche la paura della fine dei mondo, profetizzata dall'Apocalisse: attesa terrificante che tenne a lungo la gente coi fiato sospeso e gli occhi supplici rivolti al cielo.Scattato impunemente l'anno 1000 e svanito l'incubo , tornarono a brillare il sorriso e la speranza. Poi, scesero i Normanni nel Mezzogiorno d'Italia e, dal 1017 al 1091, fecero piazza pulita di Arabi, Longobardi indigeni e Bizant�ni; cosa che non era stata capace di fare nessuna delle parti in lizza precedentemente, compresi gli imperatori tedeschi, a loro volta impelagati nella lotta alla feudalit�, al Papato ed agli irriducibili contendenti locali, specie con Ottone I e Ottone II, messo in fuga a Stilo (in Calabria) dagli Arabi (983), e con lo stesso Enrico Il, che pur battendo i Bizantini (1021) non riusc� a scacciarli dal lembo estremo dello stivale. Solo i Normanni vi riuscirono e furono anche capaci di mettervi ordine e di creare un clima di sicurezza politica e di relativa tranquillit� che consenti’ all’Italia intera di vivere uno dei periodi pi� gloriosi della sua storia :al Sud in grazia della salda e solida monarchia normanna e delle Crociate, che aprirono nuovi orizzonti e nuove prospettive al commercio e, di riflesso, all’economia, alla politica, all’arte, alla cultura, alla civilt� di tutti i popoli mediterranei; al centronord per l'intraprendenza delle citt� marinare e la nascita e il fiorire paralleli dei Comuni dalla rovina dei feudi, i quali ebbero un colpo mortale prima dalla dinastia Sassone, alla fine dei X secolo, poi dalla dinastia di Franconia.La Basilicata in quel periodo fu martoriata dalle incursioni saracene e, per ultimo, anche degli Imperatori tedeschi, e  venne a trovarsi ripetutamente in bilico tra i domini Longobardi e Bizantini e, quindi, dilacerata dai loro confini estremamente instabili per la irrequietezza delle parti in lizza, con comprensib�li ripercussioni dolorose e disastrose per le popolazioni e le loro povere cose. Infatti, dopo una prima fase di totale presenza Bizantina  la regione venne assorbita gradualmente e totalmen�te dalla espansione Longobarda, che raggiunse l'apice al tempo di Carlo Magno, quando il Ducato di Benevento, rimasto indipendente, la conquist� interamente, portando i confini con i Bizantini al di l� di Cosenza, a ponente, e di Brindisi, a levante. Poi, nel secolo X, si ebbe una ripresa notevole della espansione Bizantina, che riusc� a riassorbire tutto il resto della Calabria e della Puglia e pi� di mezza Basilicata, prevalentemente a spese dei Principato di Benevento, che fu costretto ad arretrare oltre i confini settentrionali della regione, lasciando ai Bizantini tutta l'area centro-orientale della stessa ed al Principato di Salerno la rimanente parte occidentale, che si spingeva fin al di qua di Marsiconuovo, divenuto sede vescovile nel X secolo, quando vi si trasfer� il Vescovo di Grumento, in seguito alla distruzione di questa citt� da parte dei Saraceni.Dopo  la caduta dell'Emirato di Bari, i Bizantini riuscirono lentamente a riconquistare parte dei territori longobardi e della Terra di Bari e si spinsero sino a Marsiconuovo, rimasto al Principato di Salerno. Questo territorio , che corrisponde in parte all'odierna Basilicata, intorno al 1000 costitu� il Thema Bizantino di Lucania :" Di questa circoscriz�one amm�n�strativa, che aveva come capoluogo Tursi, facevano parte anche ARMENTO, GALLICCHIO e MISSANELLO". Per la verit�, Gallicchio e Missanello erano appena sorti come Monasteri e, come tali, non avevano ancora una propria storia. Armento, invece, non solo aveva dovuto cambiare piu’ volte padrone, passando dai Bizantini ai Longobardi e poi di nuovo ai Bizantini, ma aveva sperimentato su s� stessa l'occupazione araba nel secolo precedente. Sempre "intorno al 1000. gli Arabi sbarcati sulla costa Jonica risalirono il Cavone e si fissarono a Pietrapertosa, spingendosi lungo la Camastra fino al Volturino che segnava, approssimat�vamente, il confine tra il Principato di Salerno e il Thema Bizantino di Lucania. Da Pietrapertosa si spinsero nella valle del Sauro, dirigendosi verso l'Agri;nella circostanza, particolare funzione "ebbero Armento e le comunit� monastiche di rito greco installate nella zona di Armento, che impedirono agli Arabi di  scendere sull'Agri e fissarvisi defin�tivamente".       Tra i Longobardi e i Bizantini si inserirono quindi i Saraceni, che lungo il secolo X invasero a piu’ riprese la Regione, razziando  e portando via ogni cosa, fino all’avvento dei Normanni

cifr. Nuove Luci Lucane- p.Tito Robertella, 1984

 
 

Ultimo aggiornamento 21/08/2006

  1 1